Scuola Infanzia


Presentazione specifica della scuola

La scuola dell’infanzia concorre all’educazione armonica ed integrale dei bambini dai tre ai sei anni cercando di promuovere e di sviluppare tutti gli aspetti della loro personalità (linguistico, logico, religioso, sociale, grafico pittorico, motorio…) secondo gli obiettivi legati all’età del bambino, nel rispetto dei tempi, delle capacità e degli interessi di ciascuno.
La scuola dell’infanzia è la scuola dell’educazione e dell’apprendimento; riconosce alla famiglia la primaria funzione educativa e ne integra l’azione cercando di promuovere un’autentica e costruttiva collaborazione. Tiene conto delle esperienze che il bambino ha già maturato e lo accoglie rispettando le motivazioni, gli interessi, le capacità con cui si appresta ad inserirsi nel nuovo ambiente di vita.
Per arrivare a questo è necessario creare un ambiente il più tranquillo e sereno possibile in modo che il bambino si senta accolto e amato, circondato e sostenuto da fiducia.
La progettazione si inserisce in un percorso volto a promuovere le quattro finalità principali della scuola dell’infanzia sottolineate nelle Indicazioni Nazionali del 2012:
– consolidare l’identità,
– sviluppare l’autonomia,
– acquisire competenze,
– vivere le prime esperienze di cittadinanza.
La scuola dell’infanzia è costituita da due sezioni eterogenee per età. Nella formazione delle sezioni si tengono presenti i seguenti criteri:
* numero equo di piccoli, medi e grandi per ogni sezione,
* un certo equilibrio numerico tra maschi e femmine,
* esigenze particolari di alunni stranieri e diversamente abili.
La progettazione annuale prevede alcuni itinerari in sezione con il gruppo eterogeneo per età, altri con il gruppo omogeneo: questo per dar modo ai bambini di crescere sia come appartenenza alla “propria” sezione, sia come gruppo di una determinata età percorrendo itinerari specifici e mirati.
Nell’arco della giornata, i bambini delle due sezioni hanno modo di vivere alcuni tempi insieme: pranzo, gioco dopo il pranzo, merenda e gioco nell’attesa di rientrare a casa.
A livello didattico le due sezioni lavorano insieme in progetti di continuità con classi della primaria (racconti, letture, drammatizzazioni…), nella preparazione di feste scolastiche (con la partecipazione di genitori e/o amici), visione di dvd o progetti particolari.
L’ambiente prevede spazi appositi per le varie attività con materiale costruttivo e ludico adatto, un refettorio appositamente predisposto, spazi dove i più piccoli possono riposare nel pomeriggio, un ampio salone interno e un cortile esterno per i momenti di ricreazione, l’uso dell’aula di informatica per i grandi.

Orario

I bambini frequentano la scuola dal lunedì al venerdì secondo la seguente scansione oraria.

8.00              Accoglienza in salone e preghiera

9.00              Tutti in sezione: inizio attività della giornata e merenda

9.30              Igiene personale

9.45              Inizio attività didattica

11.15            Igiene personale e preparazione al pranzo

11.30            Pranzo

12.15            Gioco

13.00            Riposo per i piccoli e i medi

13.30            Inizio attività per i grandi

15.15            Merenda (in sezione)

15.45-16.00  Uscita

Il prescuola parte dalle 7.30, il postscuola è previsto fino alle ore 18.00.

Una mattina alla settimana gli alunni vengono divisi per gruppi omogenei di età e, a rotazione svolgono varie attività (es: motoria, musicale…).
Nell’arco dell’anno scolastico i bambini grandi partecipano a un progetto di inglese e a uno di informatica, i medi a uno di inglese. Il numero delle ore di questi progetti varia a seconda dell’organizzazione e delle risorse disponibili.
Nella scuola dell’infanzia sono presenti tre docenti: due a tempo pieno e uno part-time. È inoltre presente un docente specialista per l’insegnamento della lingua inglese e dell’informatica.
Il personale non docente è lo stesso della primaria e della secondaria.

Calendario scolastico

All’inizio di ogni anno scolastico viene predisposto e reso pubblico il calendario delle attività specifico della scuola dell’infanzia.

Download Calendario Scuola Infanzia

Potenziamento dell’offerta formativa

Parlare di potenziamento dell’offerta formativa per l’Istituto Comprensivo “S. Orsola”, significa in particolare far riferimento:
– ai servizi integrativi offerti dalla scuola,
– ai servizi di pedagogia e di psicologia scolastica,
– al potenziamento della lingua inglese,
– alle attività di laboratorio teatrale,
– al coinvolgimento delle famiglie.

Approfondimento

Oltre a quanto già indicato nella sezione di approfondimento, nell’arco dei vari anni scolastici, la scuola organizza anche alcuni progetti particolari a seconda delle necessità dei bambini e delle disponibilità interne. I progetti maggiormante proposti, sono elencati di seguito.
Educazione musicale
L’educazione al suono è una fonte preziosa di stimoli: permette al bambino di scoprire suoni e rumori della realtà che lo circonda nonché di sviluppare la sua fantasia.
Informatica
Il progetto prevede un primo approccio da parte dei bambini al mondo multimediale; vengono svolte svariate attività ludiche volte ad aiutare gli alunni a prendere la giusta familiarità con l’uso del computer. L’ambiente di lavoro è l’aula di informatica della scuola.
Inglese
Nella fascia di età fra i 4 e i 5 anni si prevede un “avvicinamento” ad un’altra lingua; l’obiettivo principale è quello di aiutare i bambini a sviluppare curiosità e apertura nei confronti di una lingua diversa

Progetti e attività, uscite didattiche

La scuola dell’infanzia, tenendo presenti le Indicazioni Nazionali del 2012, costruisce ogni anno un progetto educativo-didattico atto a stimolare i bambini nella loro crescita.
La metodologia adottata promuove la centralità del bambino facendolo sentire protagonista nelle varie scoperte esperienziali. Si dà spazio a conversazioni, giochi guidati, attività individuali e di gruppo con l’utilizzo di diverso materiale.
Come già detto nella sezione 1.4.3 del PTOF, la scuola, per favorire l’interazione con il terrritorio e consapevole che il bambino conosce e impara soprattutto attraverso l’esperienza diretta, cerca di promuovere progetti e uscite didattiche che permettano di raggiungere questi obiettivi, come ad esempio:
– laboratori didattici al palazzo ducale con attività di atelier organizzate dal Comune;
– attività didattiche presso la biblioteca comunale per un primo approccio con la bellezza e la ricchezza della lettura;
– passeggiate per le vie del paese quali la visita al mercato settimanale;
– un’uscita annuale con bambini e genitori a un luogo di interesse didattico (es. una fattoria).
Ciascuna attività necessita di un momento preparatorio nel quale l’insegnante, pur lasciando un certo margine alla “novità” e alla “sorpresa”, cercherà di introdurre il bambino all’esperienza che andrà facendo. Durante l’uscita la figura dell’insegnante sarà di “accompagnamento”: osserverà il bambino e darà semplicemente degli stimoli perché lui possa sentirsi protagonista. Al rientro si cercherà di rielaborare l’esperienza attraverso il racconto di ciò che si è vissuto utilizzando vari linguaggi espressivi: verbale, grafico-pittorico, mimico, teatrale ecc.
Le uscite didattiche, così come i momenti di incontro con i bambini più grandi, come si verifica nei progetti di continuità con la primaria (v. sezione 1.5 del PTOF), risultano arricchenti sia perché il bambino è chiamato a vivere esperienze ricche di stimoli e di conoscenze, sia perché cresce nelle relazioni vivendo tutto questo come soggetto attivo insieme agli altri.

Ricevimento Genitori

Su appuntamento.

Patto Educativo di corresponsabilità

La scuola si impegna a:

    1. offrire un clima di serenità, cooperazione e armonia, favorevole alla formazione integrale della persona;
    1. promuovere con ogni singolo alunno un clima di confronto e di reciprocità per accoglierne il vissuto e per motivarlo all’apprendimento;
    2. favorire l’integrazione e l’inclusione degli studenti diversamente abili, degli studenti stranieri e di tutte le situazioni di bisogni educativi speciali;
    3. stimolare riflessioni e attivare percorsi volti al benessere e alla tutela della salute degli alunni;
    4. tenere informata con regolarità la famiglia sull’andamento dell’alunno allo scopo di favorire la collaborazione e affrontare e risolvere insieme eventuali problemi;
    5. ricevere i genitori compatibilmente con il proprio orario di servizio;
    6. tutelare la sicurezza dell’alunno attraverso un’adeguata sorveglianza in tutte le fasi della giornata scolastica.

I genitori si impegnano a:

    1. instaurare un dialogo costruttivo e collaborativo con gli insegnanti in un clima di fiducia;
    2. conoscere e condividere la proposta formativa della scuola e partecipare al progetto educativo, collaborando con gli insegnanti;
    3. partecipare ai vari momenti di vita scolastica dove è importante la presenza della famiglia;
    4. informare la scuola in caso di problemi che possano incidere sulla situazione scolastica dell’alunno;
    5. rispettare gli orari scolastici.

Materiale scolastico

All’inizio dell’anno scolastico, ogni bambino porta una confezione di bicchieri usa e getta e una confezione di fazzoletti di carta. I bambini medi portano anche un quaderno formato A4 con i quadretti da 1 cm, i bambini grandi un quaderno formato A4 con i quadretti da 1 cm e un astuccio contenente una matita, una gomma e un temperino.
I bambini piccoli portano un lenzuolino e/o un telo di spugna e una coperta da usare nel momento del riposo.
Nell’armadietto di ogni bambino ci deve essere un sacchetto di stoffa con un cambio completo e un bavaglino con l’elastico e il portabavaglino. Al venerdì il bavaglino va riportato a casa e riportato pulito il lunedì successivo.
Ogni bambino viene a scuola con il suo grembiule di un colore a scelta dei genitori.
Docenti e ricevimento genitori

Regolamento

Il regolamento della Scuola dell’Infanzia